Books

Come la foresta ama il fiume: l’emozione della prima intervista

In questi giorni ho ricevuto una recensione speciale, perchè corredata da intervista, dalla giornalista Anna Romana Sebastiani. Ve la propongo da primapaginaonline.it.

“Milen incontra la Storia una sera a Gorizia mentre svolge il suo lavoro da infermiera. Ha poco più di venti anni, un marito in guerra e un fratello partigiano. Anche lei sceglierà di unirsi alla Resistenza e perdersi nella foresta dove i feriti vengono curati. Come la foresta ama il fiume è l’esordio letterario dell’ascolana Anna Laura Biagini che ci regala una storia appassionante misurandosi con gli avvenimenti realmente accaduti al confine tra Italia e Slovenia durante la seconda guerra mondiale.

Erna è un luogo inesistente per la maggior parte delle persone, abitato solo da ragazzi che hanno deciso di unirsi alla lotta partigiana per rendersi utili alla causa, lavorando in un ospedale provvisorio. Un microcosmo crocevia di lingue e culture, in cui ognuno ha un ruolo con cui confrontarsi, dove l’identità e i sentimenti scoprono una nuova forma. segue…

E l’intervista:

La guerra è foriera di morte e violenza. Erna è una stilla in mezzo agli innumerevoli campi di battaglia, un piccolo mondo in cui è possibile salvare ciò che resta di umano. Perché hai deciso di raccontare questo luogo? “Durante la mia visita nel 2007 in Slovenia, esattamente all’ospedale partigiano di Franja, il vero nome di Erna, sono stata subito molto colpita dal luogo. Un insediamento ben nascosto nella foresta eppure tanto centrale ai fini della lotta partigiana. Mi sono immediatamente resa conto che a Franja sono successe cose straordinarie, perché far convivere diverse ideologie per salvare la vita delle persone non era scontato come può sembrare. E tutto questo, mi sono chiesta, come avrà influenzato la vita delle persone che ci hanno vissuto, delle infermiere, dei soldati e dei partigiani che erano pur sempre giovani con le loro fragilità e le loro emozioni? Volevo condividere questa storia straordinaria perché come dico all’inizio del libro: un luogo non esiste finché qualcuno non ne parla”.

Dalla narrazione si evince una documentazione dettagliata dei fatti dell’epoca. Come è avvenuta la ricerca storica? “Mi sono documentata leggendo diversi testi sulla Resistenza slovena e friulana, recuperati nelle biblioteche degli Istituti per il Movimento di Liberazione locali. Anzi, devo ringraziare l’Isml di Ascoli per l’appoggio fornito nel reperire i libri tramite la loro rete. Ci tenevo che i riferimenti storici fossero impeccabili pur in presenza di personaggi inventati o liberamente ispirati”.

Ho apprezzato la scelta di raccontare una storia di confine che ha messo in luce le contraddizioni politiche di quella regione. Ad un certo punto Milen si rende conto di essere tanto italiana quanto slovena e di non riuscire a decidere da che parte stare, al contrario di suo fratello Dema. Forse l’inutilità del conflitto sta tutta lì, nella mancanza di senso di certe rivendicazioni e appartenenze. Vorrei sapere cosa ne pensi e come hai sviluppato questo argomento. “Uno dei temi del romanzo è proprio la ricerca dell’identità. Che sia identità personale o etnica è pur sempre un percorso personale alla ricerca di noi stessi, solo che in questo caso la Storia va ad influenzare le storie dei personaggi con eventi più grandi di loro, condizionando le loro scelte. E’ quello che succede anche a noi ogni giorno credo, anche se non ne siamo così consapevoli. Mi sembra inoltre un tema di grande attualità quello dei confini e della definizione di straniero, che tanto ancora ci turba”.

Nel tuo libro c’è un’intensa storia d’amore che è il filo conduttore di tutti gli eventi narrati. Come mai questa scelta? “Se avessi voluto raccontare solo le vicende belliche mi sarei limitata a scrivere un saggio, ma non è il mio lavoro né ero interessata a produrre un testo simile. Credo che la vera storia che meriti di essere ricordata è quella raccontata dalle persone, quindi mi piaceva l’idea di rendere nota l’esistenza di Franja tramite le vicende umane e cosa c’è di più umano dell’amore. Mi è parso impensabile che tra i suoi abitanti, nei due anni che rimase attivo l’ospedale, nessuno si fosse innamorato. Tra tanti giovani di forti passioni, nell’ardore della lotta, non posso non immaginare anche l’intrecciarsi di un sentimento altrettanto forte come l’amore”.

Qual è l’insegnamento che hai ricevuto durante la scrittura di questa storia e quale pensi sia la principale chiave di lettura? “Innanzitutto sono stata molto fortunata, perché l’ispirazione non mi ha mai abbandonata. Credo che scrivere sullo slancio della creatività sia faticoso ma altrettanto gratificante. Vedere giorno dopo giorno che la storia prendeva forma grazie alla costanza e alla passione è stata la conferma che il lavoro paga e che i sogni si possono realizzare. Detto questo, la chiave di lettura che vorrei i lettori dessero avvicinandosi a Come la foresta ama il fiume, è propria di un atteggiamento privo di pregiudizi. Il libro non è un’apologia politica, né intende sostituire i saggi storici, ma mi piacerebbe che i lettori godessero della lettura emozionandosi e allo stesso tempo restando consapevoli di come Storia e storie siano ineluttabilmente intrecciate fra loro”.

1AE52D07B1582EBD5AB7A1BB1BD92BE1

 

copertina

One thought on “Come la foresta ama il fiume: l’emozione della prima intervista

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...