Counseling · Uncategorized

L’ho imparato dai bambini

Non sempre siamo capaci di essere presenti a ciò che ci accade. Fantasia e realtà spesso si accavallano, confondendoci. L’ho imparato dai bambini. Quando giocano non hanno scopo, non importa l’obiettivo ma vivere un bel momento, provare piacere dall’essere immersi totalmente nella vita e lasciare che essa ci stupisca. E’ questo che differenzia il gioco dal lavoro ed è la consapevolezza del qui ed ora che fa prevalere l’essere sul fare. E’ anche il dono che ci fa amare gli altri senza limite, accettando i loro difetti e cercando di correggerne i comportamenti senza mai biasimare la persona. Gli occhi di chi guarda con amore, sono occhi che sanno, che conoscono ciò che vedono e per questo lo amano ancora di più. Più l’oggetto del sentimento è limitato, più spesso l’amore è senza limite.

La consapevolezza ci distingue, ci responsabilizza e ci salva, dandoci la possibilità di bloccare l’impulso prima che diventi azione. Soprattutto nelle relazioni, ci regala quell’obiettività, quel distacco che ci permette di ritrovarci da soli, prima di compromettere il rapporto con l’altro. Sfuggire dal qui ed ora è vivere senza senso, senza libertà, senza corpo. Sì, l’istinto è da preservare ma non è nostro padrone, è strumento a nostro servizio nell’impegno che mettiamo ogni giorni per essere creature migliori.

315k3ub

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...